Prestiti

Prestito cambializzato: come funziona il pagamento con cambiali

Prestito Cambializzato

Il prestito cambializzato, di fatto, rientra nel novero dei prestiti personali. E’ un finanziamento non finalizzato. Chi lo ottiene non deve specificare in che modo utilizzerà la somma ricevuta.

La modalità di rimborso del finanziamento è la caratteristica particolare del prestito cambializzato. Tale prestito, infatti, viene restituito attraverso un pagamento con cambiali da effettuare alla banca, solitamente ogni mese.

Chi può usufruirne

Possono accedere ai prestiti cambializzati coloro che hanno difficoltà ad ottenere una delle tradizionali forme di accesso al credito. Andiamo, nello specifico, a vedere le categorie di persone che possono richiedere il prestito cambializzato:

  • Cattivi pagatori e protestati;
  • Lavoratori autonomi;
  • Lavoratori assunti con contratti a tempo determinato;
  • Disoccupati

Come ottenere un prestito cambializzato

Per ottenere un prestito cambializzato ogni banca deve effettuare una valutazione. Si tratta, però, di una valutazione che non si basa sulla situazione debitoria del cliente. Questo, però, non significa che l’ente erogatore non sia tenuto a chiedere delle garanzie. Tali garanzie, comunque, variano a seconda della categoria in cui ogni cliente rientra.

Solitamente, infatti, ad un lavoratore dipendente viene chiesto come garanzia il TFR (Trattamento di Fine Rapporto). Un lavoratore autonomo deve, invece, presentare il modello unico della dichiarazione dei redditi e, come ulteriore garanzia, deve procedere alla sottoscrizione di un’assicurazione. Tale polizza deve avere un valore in linea con l’importo del finanziamento richiesto.

Nel caso in cui il cliente rientri nella categoria dei disoccupati, allora non è possibile prendere in considerazione aspetti reddituali. Si va, dunque, a guardare ad eventuali immobili di proprietà del cliente. Non solo. C’è anche la possibilità di optare per una terza persona che faccia da garante per il cliente.

Caratteristiche dei prestiti cambializzati

I prestiti cambializzati hanno alcune particolari caratteristiche. Chi li richiede può ottenere una cifra variabile tra € 1.500,00 e € 50.000,00. La durata del prestito si può protrarre da un minimo di 36 ad un massimo di 120 mesi.

Per tale tipologia di prestito si può applicare un Tasso Annuo Nominale (TAN) massimo del 16%. Si possono, ovviamente, trovare anche tassi più bassi. Ecco perché conviene dare uno sguardo alle varie offerte e, se possibile, ottenere un mix di preventivi.

Ovviamente, per farsi un’idea reale e completa del costo del finanziamento è necessario prendere in considerazione il valore del Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG). Infatti, il TAEG ingloba sia le spese accessorie che il valore degli interessi calcolati sul capitale.

Vantaggi e svantaggi del prestito cambializzato

Andiamo, ora, ad analizzare pro e contro dei prestiti cambializzati. Dei vantaggi abbiamo detto qualcosa già in precedenza. In primis, c’è il discorso della facilità di ottenimento del prestito.

Ciò fa sì che molte persone possano accedere al finanziamento cambializzato. Anche la procedura è piuttosto semplice e veloce. In tal caso, infatti, la banca non è tenuta ad effettuare una complessa ed approfondita analisi del cliente. La garanzia principale è rappresentata dalle cambiali.

Il discorso relativo alle caratteristiche delle cambiali può aiutarci a far luce anche sui possibili aspetti negativi del prestito cambializzato. La cambiale, in quanto tale, è un titolo di credito a carattere esecutivo.

In caso di problemi a pagare la rata, il cliente potrebbe essere soggetto a pignoramento dei beni di sua proprietà. Tali beni potrebbero essere venduti. In questo modo, infatti, la banca riuscirebbe ad ottenere, sebbene in altro modo, l’importo che il cliente non è stato in grado di rimborsare.

Il pagamento con cambiali come funziona?

Vuoi sapere il pagamento con cambiali come funziona? Se hai ottenuto un prestito cambializzato puoi recarti presso uno sportello bancario. Attenzione! Non dovrai per forza rivolgerti alla banca che ti ha accordato il finanziamento. Il pagamento può avvenire presso qualunque istituto di credito.

Ad esempio, potresti svolgere l’operazione presso la banca all’interno della quale hai aperto un conto corrente. Nel caso in cui tu non abbia un conto corrente non ci sono particolari problemi. La banca che ti ha concesso il finanziamento invierà direttamente a casa tua l’assegno circolare.

Related posts

Prestito vitalizio ipotecario: cos’è, come funziona e a chi si rivolge

Carmine Roca

Come richiedere un prestito personale per pensionati

Carmine Roca

Delegazione di pagamento: normativa e caratteristiche del prestito delega

Carmine Roca

5 comments

Avatar
Elisabetta Virzì 19 Febbraio 2017 at 02:09

Sono interessata grazie

Reply
carmine
carmine 20 Febbraio 2017 at 07:31 Reply
Avatar
Ilaria 4 Marzo 2017 at 08:55

Volevo sapere se erogate prestiti cambializzati

Reply
Avatar
giuseppe 14 Novembre 2017 at 13:32

info

Reply
carmine
carmine 15 Novembre 2017 at 07:30

Il nostro è solamente un articolo a scopo informativo ma RataOk non distribuisce finanziamenti cambializzati..Può informarsi sul nostro sito sui prodotti da noi distribuiti, precisamente nella sezione Servizi

Reply

Leave a Comment